COSSACKS OF DON

English

COSSACKS OF DON
Folk Company
ITALY – SWITZERLAND
DECEMBER 2013 & 2017



VIDEO

ABOUT PERFORMANCE
The very word Cossack in Russian means ‘free man.’ In the early czarist times they staged revolts of the masses against the oppressive orders; they staged uprisings of serfs and workers against the injustices of the ruling classes. They had heroes, and they wanted to be free. Our songs and dances reflect all this.

It was more than 50 years ago – in 1936 – that the Don Cossacks Company was founded in Rostov, the southern port and rail hub on the Don River, one of the four largest rivers in the Soviet Union. Its aim was to preserve the rich and colorful folklore of the Cossack people, who, out of some 180 different Soviet ethnic groups, have a strong tradition of expressing themselves in song and dance.

The men, in particular, have strong, vibrant voices; many Russian choirs have a large complement of Cossacks in their ranks. It is said that the dances of the Don River region sprang directly out of the Cossack songs commemorating famous battles and the rebellions of folk heroes, as well as the more peaceful side of Cossack life – songs dealing with family, the beauty of nature, the joys of love.

Cossack dances range from the elegant to the athletic, from the lyrically romantic to the flirtatious and droll. The basic Cossack dance is the kazatchok, which begins slowly and ends fast and furious. There is the exhilarating hopak, with its leg-stretching and high jumps, and the khorovod, the Russian form of a round dance. In the Don Cossack company, it is the men who execute the high-jumping, wildly energetic dances, while the women negotiate the more lyrical numbers.

Italiano

COSSACKS OF DON
Folk company
ITALIA – SVIZZERA
DICEMBRE 2013 e 2017



VIDEO

SULLE PRESTAZIONI
La parola cosacco, in russo, significa “uomo libero”. Nei primi tempi degli zaristi essi organizzarono rivolte delle masse contro gli ordini oppressivi e contro le ingiustizie delle classi dominanti. Avevano degli eroi e volevano essere liberi. Le canzoni e le danze di questa compagnia riflettono tutto questo.

Nel 1936 la Compagnia dei Cosacchi del Don fu fondata a Rostov, porto meridionale e centro di interscambio ferroviario sul fiume Don, uno dei quattro fiumi più grandi dell’Unione Sovietica. Il suo scopo era quello di preservare il folclore ricco e colorato dei cosacchi che, su circa 180 diversi gruppi etnici sovietici, hanno una ricca tradizione di canti e danze.

Gli uomini, in particolare, hanno voci forti e vibranti, infatti molti cori russi hanno tra le loro fila componenti cosacchi. Si dice che le danze della regione del Don siano uscite direttamente dalle canzoni dei cosacchi per commemorare le famose battaglie e le ribellioni degli eroi popolari, così come il lato più pacifico della vita dei cosacchi: canzoni che parlano di famiglia, di bellezza della natura, di gioie d’amore.

Le danze cosacche spaziano dal gesto elegante a quello atletico, dallo spirito romantico a quello civettuolo e a quello buffo. La danza di base dei cosacchi è il kazatchok, che inizia lentamente e per finire veloce e furioso. C’è l’esaltante hopak, con le sue gambe che si allungano e i suoi alti salti, e il khorovod, la forma russa di danza circolare. Nella compagnia del Don Cossack, sono gli uomini che eseguono i balli più sfrenati ed energici, mentre le donne realizzano i numeri più lirici.

Tagged with: ,